Press e News

LA TRADIZIONE CARTOGRAFICA IN SICILIA - Le carte della Collezione Zipelli

La Fondazione “Cesare e Doris Zipelli” celebra con un elegantevolume la prestigiosa raccolta di carte e stampe della Siciliaoffrendo una pubblica fruizione del suo patrimonio come auspicatodall’ingegnere Cesare Zipelli.

La Notte della Geografia - Ragusa 6 aprile 2018

Eventi del 6 aprile 2018 a Ragusa. La Notte della Geografia / La Nuit de la Géographie / The Night of Geography. La presentazione di un fondo bibliografico, l’esposizione della mostra Sicilia Antiqua e un concerto presso il cortile di Santa Teresa.

presentazione del Volume - 22 Novembre 2016

La Fondazione Cesare e Doris Zipelli, in collaborazione con il Movimento "V.Brancati" presenta il Volume "Schermi Multipli e Plurime Visioni" la Grande Madre. l'Italia, della Porf.ssa Tullia Giardina "Marisilio Editore", per la sezione "ricerche Marsilio" edito con il contributo della Fondazione Cesare e Doris Zipelli

Presentazione del volume "Schermi Multipli e Plurime Visioni"

Presentazione del volume - 03 novembre 2016

La Fondazione Cesare e Doris Zipelli, in collaborazione con l'Amministrazione Comunale di Santa Croce Camerina, presentano il Volume "Schermi Multipli e Plurime Visioni" la Grande Madre. l'Italia, della Porf.ssa Tullia Giardina "Marisilio Editore", per la sezione "ricerche Marsilio" edito con il contributo della Fondazione Cesare e Doris Zipelli,

Presentazione del volume

"Schermi Multipli e Plurime Visioni" la Grande Madre. L'Italia della Porf.ssa Tullia Giardina "Marisilio Editore", per la sezione "ricerche Marsilio" edito con il contributo della Fondazione Cesare e Doris Zipelli

Mostra “Sicilia e Licodia”

per iniziativa della Fondazione Zipelli - Licodia Eubea Chiesa del SS. Crocifisso dal 6 Agosto al 6 Settembre 2015

Ragusa foto Festival

Sabato 24 agosto l'inaugurazione

Le stampe antiche della Sicilia della collezione Zipelli in mostra a Ragusa

Comunicato stampa

Grande successo per la mostra “sicilia antiqua”: studenti, turisti e semplici cittadini alla BAPR per “invito a palazzo”

Comunicato Stampa

"invito a palazzo": la Banca Agricola Popolare di Ragusa apre i saloni di rappresentanza al pubblico e propone sabato primo ottobre una mostra di carte della Sicilia.

Link utili
L'Ingegnere Cesare Zipelli
Il 24 Marzo del 1919, da genitori emiliani, nasce a Messina Cesare Zipelli.
Giovane brillante, sviluppa i propri interessi in diversi ambiti e discipline, incluso lo sport, dove con partecipazione attiva prende parte a campionati a carattere regionale in diverse discipline: dal nuoto alla pallacanestro, dalla pallavolo all’atletica leggera.
Tutta la sua vita è segnata dalla costante dedizione verso lo studio, dedicandosi a diverse  branche accademiche, scientifiche e culturali con l’entusiasmo, la modestia e la profondità tipiche delle menti non comuni.
All’età di 23 anni interrompe gli studi universitari, in conseguenza degli eventi bellici,  e dal 1942 al 1944 presta servizio quale sottotenente della Marina Militare, ottenendo i riconoscimenti delle campagne di guerra.
Ritorna ai propri studi universitari e nell’anno accademico 1945 – 1946 si laurea in Ingegneria Mineraria presso l’Università degli Studi di Roma discutendo una tesi sulle “ Miniere di lignite della Provincia di Messina, coltivazione e ricerche”.

Il 28 Ottobre del 1946, sposa a Messina la donna alla quale resterà legato per tutta la vita con profonda dedizione ed amore, la dolcissima Doris Impellizzieri.

Una carriera professionale brillante e pioneristica iniziata nel 1946, subito dopo la laurea e conclusasi , dopo 40 anni di lavoro, nel 1975 al massimo livello dirigenziale.

Una nota della dirigenza della Calci & Cementi di Roma sul “siciliano” Ingegnere Cesare Zipelli fornisce una sintesi esaustiva del senso dell’attività svolta dall’ingegnere. Nel 1970 scrivevano “… A prescindere dalla sua competenza specifica, l’Ing. Zipelli possiede in grado eccelso le qualità proprie del moderno capo d’azienda : egli infatti ha una visione armonica dei problemi finanziari, tecnici e sociali, che caratterizzano il fenomeno industria in tutte le sue manifestazioni.
Nei Rapporti con i terzi è alla costante ricerca del contatto umano che realizza con immediatezza. Nei rapporti con i collaboratori l’Ing. Zipelli ha fatto sua  la massima che: l’arte del comando consiste nel farsi amare e rispettare.
Egli ama la Sicilia e la sua gente ed all’atto della sua promozione a Direttore Generale e del conseguente trasferimento a Roma ha lasciato a Ragusa un ottimo ricordo fra la popolazione, che ne parla ancora oggi, a tre anni di distanza, con viva simpatia e nostalgia!”

L’Ingegnere Zipelli ha un ruolo attivo in ambito scientifico: finanzia la creazione di laboratori all’avanguardia in Europa, effettua innumerevoli viaggi di studio in tutto il mondo, pubblica saggi e numerosi scritti sulla propria attività, partecipa a numerosissimi convegni nazionali ed internazionali sui temi della  petrolchimica, delle industrie calcementiere ed asfaltiche, deposita numerosi brevetti. Il suo impegno lo porta ad assumere numerosi incarichi e consulenze: Componente di Commissioni Regionali, Consigliere di Amministrazione dell’E.M.S. (Ente Minerario Siciliano), consigliere dell A.S.I., Consulente della gloriosa Montedison, consigliere nazionale dell’Ordine degli ingegneri, Consigliere della Siciliana Gas, Assessore  allo Sviluppo Economico della Provincia di Ragusa, nella qualità di tecnico indipendente,  e tanti altri ancora.

La sua qualificata attività professionale e divulgativa sono state riconosciute con l’onorificenza di Cavaliere della Repubblica e il conferimento della Medaglia d’onore del Ministero dell’Educazione.
È stato anche Ispettore Onorario della Sovrintendenza dei Beni Culturali di Ragusa e Siracusa.

Il grande amore per la cultura, ereditato dai suoi genitori, lo ha portato, nel corso della sua vita, a raccogliere assieme all’amata Doris, innumerevoli esemplari d’arte e opere letterarie, costituendo nel corso del tempo  una biblioteca formata da oltre 15.000 volumi ed una emeroteca di 9.000 pezzi.

Innamorato e profondo conoscitore della sua Sicilia, l’Ingegnere Zipelli collaborò con i professori Luigi Bernabò Brea, Antonino Di Vita e la dott.ssa Paola Pellegatti agli scavi di Kamarina, Passo Marinaro e di Contrada Tabuna di Ragusa.
Protagonista della vita civile, sociale e culturale della città e della provincia, è stato  tra i soci fondatori del Rotary Club di Ragusa, animatore e cofondatore  della Civica Raccolta Carmelo Cappello, dell’Associazione Italia Nostra, presiedendone la Sezione di Ragusa sin dalla sua istituzione, Promotore, con i suoi amici di Messina,  del Premio di Poesia Vann’Antò.

Ha dato nella sua vita uno straordinario contributo all’arricchimento del patrimonio culturale dwella comunità siciliana con la donazione, dopo la sua morte, di una collezione di maioliche antiche e  di reperti provenienti da ritrovamenti archeologici all’Università di Messina.
 
Al Centro Studi sul Novecento ha trasferito un prestigioso copioso carteggio  sullo scrittore Stefano D’Arrigo, che l’ingegnere ebbe modo di raccogliere  grazie alla profonda e fraterna amicizia  che li legava.
Ancora i volumi della  biblioteca “Doris e Cesare Zipelli” sono stati  oggetto di donazione in favore della sede di Ragusa della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere e dal gennaio 2006 la stessa è fruibile presso l’ex Convento di Santa Teresa a Ragusa Ibla.

Alle collezioni dell’Ing. Zipelli sono stati dedicati diversi volumi , tesi di laurea e master.

In sede testamentaria ha lasciato alla Banca Agricola Popolare di Ragusa,  cui era profondamente legato anche per la  personale amicizia e reciproca stima  con la famiglia Cartia, la sua preziosissima  collezione di stampe antiche dedicate alle carte geografiche ed alle mappe della Sicilia, datate tra il  Cinquecento e l’Ottocento,  affinché il benemerito Istituto di Credito ragusano  provvedesse a utilizzarlo e promuoverlo come  patrimonio a disposizione della sua amata Ragusa. La raccolta rappresenta un unicum nel suo genere, non solo per l’ intrinseco valore, ma anche e soprattutto per la numerosità delle carte che ne fanno parte.

La Banca ha raccolto il “suo invito” decidendo di dedicare una specifica Fondazione  alla memoria dell’Ingegnere e della sua amatissima Doris, dando vita così alla “Fondazione Cesare e Doris Zipelli”, sorta con uno specifico intervento di incremento del patrimonio deliberato da parte della stessa Banca, e costituita entro l’anno dalla sua scomparsa.

La Fondazione è nata sotto i migliori auspici e intende, nel rispetto dello scopo principale di valorizzazione e fruizione del patrimonio documentario oggetto della raccolta dell’ingegnere Zipelli, dalle carte geografiche della Sicilia alle chine di artisti ragusani, dal materiale documentario sulla storia delle miniere di asfalto che hanno segnato la trasformazione socio-economica della area iblea,   ampliare il proprio raggio d’azione per tenere  viva la memoria dell’ingegnere Zipelli e per provare a dare un proprio apporto nelle direzioni che gli erano più care, quelle della incentivazione dell’economia del territorio, della promozione  della cultura e del patrimonio artistico siciliano, dell’azione di valorizzazione delle giovani intelligenze e dei talenti perché possano trovare la meritata considerazione, della filosofia vincente di uno sviluppo sostenibile che si impegni a contemperare  in modo equilibrato le linee portanti di una economia efficiente e funzionale.

Clicca sulle immagini per ingrandirle
Scan10012_ridim_thumbImg_9555_thumbImg_9553_ridim_thumbImg_9546_ridim_thumbImg_9225_thumbScan10001_thumbImg_9311_ridim_thumbImg_9193_ottim_thumbScan10006_ridim_thumbImg_9231_ridim_thumbImg_9541_thumbImg_9317_ridim_thumbImg_9438_ridim_thumbImg_9191_thumbImg_9422_ridim_thumb